Lettera del Rettore Arturo De Vivo alla comunità federiciana

Università degli Studi di Napoli Federico II

Indicazioni operative per lo svolgimento di prove di esame a distanza

Le modalità di esame a distanza assicureranno il rispetto dei principi di pubblicità della prova, di corretta identificazione dei candidati, di regolarità della verifica della preparazione dei candidati. Per ogni altro aspetto valgono le disposizioni normative e regolamentari vigenti.

 

  1. ESAMI DI PROFITTO

Lo svolgimento degli esami a distanza, in questa fase di messa a punto delle procedure, deve essere assicurato prioritariamente alle seguenti categorie di studenti:

 

  1. Studenti in debito di un solo esame;
  2. studenti che devono sostenere un solo esame di profitto per non incorrere nella decadenza;
  3. studenti che devono sostenere un esame per conseguire borse di studio o accedere a benefici correlati al merito relativo al curriculum accademico.

 

1a. Indicazioni generali e accertamento della identità

Gli esami a distanza si svolgeranno utilizzando piattaforme in grado di assicurare l’apertura di una “classe virtuale” ad accesso pubblico, preferibilmente la piattaforma MS Teams. Gli esaminandi sono tenuti a prenotarsi attraverso gli usuali canali istituzionali. Orari, informazioni e modalità dettagliate sui collegamenti alla piattaforma saranno esposte nei siti delle Scuole, dei Dipartimenti e dei CdS e comunque riproposti nel sito web dei docenti.

Lo studente è tenuto a prendere visione delle indicazioni relative alle modalità di svolgimento didattiche e tecniche dell’esame, riportate nella pagina del singolo docente, sezione avvisi.

Con la prenotazione lo studente attesta la presa visione delle condizioni di svolgimento della prova di esame a distanza e si impegna a rispettare le norme generali ed etiche di comportamento che disciplinano gli esami in presenza.

L’identificazione dello studente avviene preliminarmente all’esame mediante esibizione di un documento di riconoscimento valido (carta di identità, patente di guida, ecc.).

1b. Svolgimento delle prove:

Le prove d’esame si svolgeranno secondo modalità disposte dai titolari dei corsi d’insegnamento, nel rispetto dei principi generali indicati in premessa, anche avvalendosi, ove richiesto e ove possibile, di lavagne elettroniche o di altri dispositivi di comunicazione.

Durante l’esame è vietato l’uso di ulteriore strumentazione elettronica e/o informatica oltre a quella essenziale per lo svolgimento della seduta d’esame, pena l’interruzione della stessa e il rinvio ad altra data.

Il contatto audiovisivo tra il candidato e la commissione deve essere assicurato in modo continuativo per l’intera durata dell’esame

1c. Conclusione delle prove e verbalizzazione dell’esito

La commissione al termine della prova comunica il voto al candidato e perfeziona la verbalizzazione con il PIN dello studente.

 

  1. ESAMI DI LAUREA:

Le sedute di laurea a distanza si svolgeranno utilizzando piattaforme in grado di assicurare l’apertura di una “classe virtuale” ad accesso pubblico, preferibilmente la piattaforma MS Teams. Orari, informazioni e modalità dettagliate sui collegamenti alla piattaforma utilizzata saranno comunicate via mail dal Presidente della Commissione di Laurea ai candidati con congruo anticipo.

Il candidato è tenuto a prendere visione delle indicazioni relative alle modalità di svolgimento e a inviare al Presidente della Commissione la documentazione d’uso.

Tutti i componenti della Commissione devono restare simultaneamente in contatto audiovisivo per tutta la durata della seduta.

Il Presidente avvia la seduta di laurea dando lettura della composizione della Commissione e dell’identità dei laureandi. Procede quindi al loro riconoscimento, informandoli delle norme etiche generali da seguire e dei comportamenti da evitare ai fini del regolare svolgimento delle prove.

 

Al termine della discussione, il Presidente sospende temporaneamente la seduta telematica pubblica per consentire, in seduta telematica ristretta ai soli componenti della Commissione, la valutazione dei Candidati. Al completamento della fase di valutazione, il Presidente attiva la seduta telematica pubblica, verifica per appello la presenza in collegamento di tutti i laureandi, comunica l’esito della prova e procede quindi, per ogni Candidato, a perfezionare la verbalizzazione.

 

L’Ateneo organizzerà, terminata l’emergenza sanitaria, cerimonie di proclamazione pubblica per tutti i laureati.

 

Per ogni altro aspetto si applicano, quando compatibili, le disposizioni del Regolamento didattico che disciplinano lo svolgimento delle sedute di laurea in presenza. Il mancato rispetto delle norme esplicitamente riconosciute ed accettate dal laureando non consente il superamento della prova.

Esami finali di laurea per le professioni sanitarie

Le sedute di laurea a distanza per le professioni sanitarie si svolgeranno utilizzando piattaforme in grado di assicurare l’apertura di una “classe virtuale” ad accesso pubblico, preferibilmente la piattaforma MS Teams. Orari, informazioni e modalità dettagliate sui collegamenti alla piattaforma utilizzata saranno comunicate via mail dal Presidente della Commissione di Laurea ai candidati con congruo anticipo.

Il candidato è tenuto a prendere visione delle indicazioni relative alle modalità di svolgimento e a inviare al Presidente della Commissione la documentazione d’uso.

Tutti i componenti della Commissione devono restare simultaneamente in contatto audiovisivo per tutta la durata della seduta.

Il Presidente avvia la seduta di laurea dando lettura della composizione della Commissione e dell’identità dei laureandi. Procede quindi al loro riconoscimento, informandoli delle norme etiche generali da seguire e dei comportamenti da evitare ai fini del regolare svolgimento delle prove.

Il Presidente al tempo opportuno avvia la prova pratica di esame, potendosi avvalere della possibilità di optare per una prova con domande a risposta chiusa e a risposta aperta su situazioni paradigmatiche della pratica professionale di riferimento, in accordo con la circolare congiunta MIUR/Ministero della Salute 46319-P-30/09/2016.

Al termine della prova, il Presidente sospende temporaneamente la seduta telematica pubblica per consentire, in seduta telematica ristretta ai soli componenti della Commissione, la valutazione.

Riprende quindi il collegamento e verificata per appello la presenza in collegamento di tutti i laureandi, comunica l’esito della prova, comunicando il punteggio che concorrerà alla determinazione del voto finale di laurea.

Il Presidente al tempo opportuno avvia la seconda prova di esame, consistente nella dissertazione della tesi. Dando lettura della composizione della Commissione e dei nomi dei candidati, informa questi ultimi delle norme etiche generali da seguire ed ai comportamenti da evitare ai fini del regolare svolgimento delle prove stesse.

Tutti i componenti della Commissione devono restare simultaneamente in contatto audiovisivo per tutta la durata della seduta.

Al termine della discussione, il Presidente sospende temporaneamente la seduta telematica pubblica per consentire, in seduta telematica ristretta ai soli componenti della Commissione, la valutazione dei Candidati. Al completamento della fase di valutazione, il Presidente attiva la seduta telematica pubblica, verifica per appello la presenza in collegamento di tutti i laureandi, comunica l’esito della prova e procede quindi, per ogni Candidato, a perfezionare la verbalizzazione.

Procede quindi per ogni laureando a regolarizzare la verbalizzazione secondo le norme previste dal regolamento.

Per ogni altro aspetto si applicano, quando compatibili, le disposizioni del Regolamento didattico che disciplinano lo svolgimento delle sedute di esame finale di laurea in presenza. Il mancato rispetto delle norme esplicitamente riconosciute ed accettate dal laureando non consente il superamento della prova.

 

  1. Esami finali di dottorato e di specializzazione post-lauream

La data di svolgimento degli esami finali dei corsi di Dottorato di Ricerca e di Specializzazione post-lauream è pubblicata con le modalità usuali         , stabilite dal Regolamento di Ateneo che disciplina il Dottorato di Ricerca e le Specializzazioni post-lauream, che ne garantiscono la pubblicità.

Gli esami finali possono essere sostenuti con modalità telematica, con partecipazione da remoto sia dei Commissari che dei candidati. Si suggerisce l’utilizzo di Microsoft Teams per la generazione della seduta telematica o di altre piattaforme che consentano la pubblicità della seduta.

Il candidato dovrà esibire un documento d’identità, la cui tipologia è annotata dalla Commissione esaminatrice.

Il membro della Commissione esaminatrice che svolge le funzioni di Segretario redige e sottoscrive il verbale e ne manda copia, tramite posta elettronica, agli altri membri della Commissione che, a loro volta, invieranno una dichiarazione in cui confermano che quanto contenuto nel verbale corrisponde a quanto determinato.

Tutte le indicazioni di cui sopra hanno termini e tempi di applicazione dettati dai dispositivi di legge nonché dalle indicazioni di Ateneo.


 

Misure straordinarie per lo svolgimento di esami di profitto e finali con modalità a distanza mediante strumenti di videocomunicazione a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19

 

Art. 1

Modalità svolgimento esami a distanza

 

Per le motivazioni indicate in premessa, a partire dal 16 marzo 2020 e per tutto il periodo di vigenza delle misure di contrasto e di contenimento sull’intero territorio nazionale riguardanti il diffondersi del virus COVID-19, di cui al DPCM 8 marzo 2020 e seguenti, è disposto, in via straordinaria e sperimentale, lo svolgimento delle sedute degli esami di profitto e degli esami finali per il conseguimento del titolo di ogni corso di studi, esclusivamente a distanza attraverso l’utilizzo di strumenti di videocomunicazione.

Lo svolgimento degli esami di cui sopra è disposto con la modalità telematica anche in deroga ai Regolamenti Didattici dei Corsi Studio.

Lo strumento di videocomunicazione utilizzato per lo svolgimento degli esami dovrà garantire il contatto audiovisivo tra il candidato e la commissione, in modo continuativo per l’intera durata dell’esame. L’accertamento dell’identità dello studente verrà effettuato dalla commissione attraverso l’esibizione a video di un valido documento di identità.

Gli esami di profitto previsti in forma scritta potranno essere svolti in forma orale in videocomunicazione, anche in deroga a quanto stabilito dai Regolamenti Didattici dei Corsi di Studio.

Gli esami di profitto a distanza devono essere assicurati prioritariamente agli studenti appartenenti alle seguenti categorie:

 

  • studenti in debito di un solo esame;

 

  • studenti che devono sostenere un esame di profitto per non incorrere nella decadenza dagli studi;

 

  • studenti che devono sostenere un esame per conseguire borse di studio o accedere a benefici correlati al merito relativo al curriculum accademico.

 

I tirocini extramoenia che non possono essere svolti in presenza in ragione della suddetta emergenza sanitaria, possono essere temporaneamente convertiti in tirocini intramoenia. I docenti responsabili potranno individuare attività sostitutive (letture di testi, elaborazione autonoma di prodotti, ecc.) ai fini del conseguimento dei CFU previsti dai tirocini stessi.

 

La modalità di svolgimento a distanza degli esami di profitto dovrà essere garantita anche in seguito alla ripresa in Ateneo delle normali attività didattiche per gli studenti che, in conseguenza dei provvedimenti relativi all’emergenza sanitaria, non dovessero essere in grado di svolgere in presenza l’esame.

 

 

Art. 2

Proroga calendario accademico 2018/19

 

Allo scopo di permettere lo svolgimento delle prove di esame che non si sono potute tenere nel periodo di sospensione delle attività didattiche, a causa delle restrizioni connesse allo stato di emergenza sanitaria da COVID-19, e previste dai DPCM indicati in premessa, si dispone che:

 

  • il termine finale dell’anno accademico 2018/19 è prorogato dal 31 marzo 2020 al 30 aprile 2020;

 

  • tutti gli adempimenti di carattere amministrativo, il cui termine di scadenza era fissato al 31 marzo 2020 è, pertanto, prorogato al 30 aprile 2020;

 

  • la sessione straordinaria dell’a.a. 2018/19 degli esami di profitto o finali terminerà, conseguentemente, il 30 aprile 2020;

 

  • il termine per iscriversi, per l’a.a 2019/20, ai corsi di laurea magistrale già fissato al 31 marzo 2020 è prorogato al 30 aprile 2020;

 

  • in deroga a quanto previsto per l’iscrizione, per l’a.a 2019/20, ai corsi di laurea magistrale, potranno iscriversi a tali corsi entro il 30 aprile 2020 anche coloro i quali non abbiano conseguito il numero di CFU (12), relativi ad esami di profitto previsti per il primo semestre del corso medesimo, quale requisito per l’iscrizione al corso stesso.